de fr it

GustavDäniker

10.4.1896 Steinmaur, 14.9.1947 Kilchberg (ZH), rif., di Zurigo. Figlio di Albert, pastore rif. Fanny Thurnheer. Dopo la scuola reclute (1914), fece parte del servizio attivo e frequentò la scuola ufficiali. Ottenuto il dottorato utriusque iuris (1922), divenne ufficiale istruttore (1925). Dopo la scuola superiore di guerra a Parigi (1929-31), ricevette un incarico d'insegnamento alla sezione scienze militari del Politecnico fed. di Zurigo (1936). Fu poi comandante della scuola di tiro di Walenstadt e docente di scienze militari all'Univ. di Basilea (1938), e capo di Stato maggiore (1940). Verso la metà degli anni 1930-40 D. - in contrasto con la dottrina dominante - si pronunciò a favore di un esercito di milizia con compiti puramente difensivi. D. voleva potenziare la capacità bellica della milizia modernizzando l'armamento della fanteria, prolungando i tempi di istruzione e creando una direzione unitaria dell'esercito affidata a specialisti. La sua linea incontrò l'opposizione del Consigliere fed. Rudolf Minger e del futuro generale Henri Guisan. Acceso sostenitore del generale Ulrich Wille e ammiratore dell'esercito ted., non seppe sottrarsi al fascino della dittatura nazionalsocialista. Dopo essersi espresso, nel 1941, a favore di un inserimento volontario della Svizzera nella "Nuova Europa", D. venne congedato dall'esercito e rimosso dal suo incarico di docente univ. Fino alla morte diresse la sezione di tecnica militare della fabbrica di macchine Oerlikon-Bührle. Pubblicista militare conosciuto sul piano intern., D. era considerato un'autorità nel campo della balistica e della tecnica delle armi.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso AfZ
  • F. Keller, Oberst G. Däniker, 1997
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Appartenenza familiare
Dati biografici ∗︎ 10.4.1896 ✝︎ 14.9.1947