de fr it

FritzGertsch

28.4.1862 Aarwangen, 21.11.1938 Berna, riformato, di Lauterbrunnen. Figlio di Christian Gertsch, proprietario di una fabbrica di cappelli. Fratello di Albert Gertsch. 1) Emma Buser; 2) Myra Zella, di Dixon (Stati Uniti). Fu attivo come cappellaio. Ufficiale istruttore (1886-1892, 1894-1910), durante la guerra russo-giapponese venne distaccato in Manciuria al seguito dell'esercito giapponese (1904), dove constatò la superiorità delle linee di tiro diradate. Fu un controverso sostenitore dei duri metodi di addestramento di Ulrich Wille (Ohne Drill keine Erziehung, 1900). Dato che questo sistema veniva rifiutato dalla truppa e dal comando delle forze armate, nel 1910 il Consiglio federale destituì Gertsch dalla carica di comandante di brigata e nel 1911 lo esonerò dal ruolo di istruttore. Anche il comando della divisione 3, affidatogli nel 1917, gli venne tolto nel 1919. Fu assertore dell'idea che la «peculiarità svizzera» richiedesse un armamento e tecniche di combattimento specifiche e promotore di un massiccio ricorso alle mitragliatrici.

Riferimenti bibliografici

  • Gertsch, Fritz: Vom russisch-japanischen Kriege, 1904-1905, 2 parti, 1907-1910.
  • Gertsch, Fritz: Für die Maschinengewehrarmee, 1932.
  • Frey, Hans: «Oberstdivisionär Fritz Gertsch», in: Gazzetta militare svizzera, 1938, n. 12, pp. 717-723 (necrologio).
  • Ernst, Alfred: Die Konzeption der Schweizerischen Landesverteidigung 1815-1966, 1971, pp. 22-23.
  • Jaun, Rudolf: Preussen vor Augen. Das schweizerische Offizierskorps im militärischen und gesellschaftlichen Wandel des Fin de siècle, 1999, pp. 263-277.
Completato dalla redazione
  • Rieder, David: Fritz Gertsch. Enfant terrible des schweizerischen Offizierskorps, 2009.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 28.4.1862 ✝︎ 21.11.1938

Suggerimento di citazione

Hans Senn: "Gertsch, Fritz", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 15.11.2012(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/023713/2012-11-15/, consultato il 14.08.2022.