de fr it

Hegner

Probabilmente originaria di Hegi-Elgg, la fam. nel 1430 ottenne la cittadinanza di Winterthur, dove dominò fino al 1800. Nomi simili sono attestati a Winterthur e Zurigo (1259 risp. 1333), Stadelhofen (oggi com. Zurigo), Kloten, Elgg (1311 risp. 1374) e più tardi anche a Wil (ZH). Fino al 1500 la grafia variò tra Heg[i]n[ow]er e Hegowler. Nel 1492 Gebhart (1516) ricevette da Albrecht von Bonstetten un blasone imperiale, in cui sono raffigurate una scure da macellaio e una stella a cinque, successivamente sei punte in campo blu.

Tra il 1508 e il 1798 la fam. annoverò ben 11 dei 51 scoltetti di Winterthur, tra cui Salomon (->), detenendo tale carica per 150 anni su 290. 30 membri della fam. fecero parte del Piccolo Consiglio e 70 del Gran Consiglio. Gli H. accrebbero il loro patrimonio grazie all'amministrazione di numerosi baliaggi e beni demaniali. 11 esponenti della fam. furono al centro della vita cittadina quali cancellieri della città e 14 H. furono landscribi del baliaggio interno ed esterno della contea di Kyburg, come Ulrich (->), tanto che la carica divenne di fatto ereditaria. La fam. ebbe rapporti stretti con la classe dirigente zurighese, che consolidò attraverso alleanze matrimoniali, e incrementò la sua influenza nelle zone rurali grazie a investimenti di capitale. Tra gli esponenti degli H. ci furono anche 31 medici (di cui 11 dottori in medicina e sei medici cittadini), 17 ecclesiastici, 18 conciatori, cinque osti e sei macellai. Tutti esercitarono professioni tra le più rispettabili e redditizie. La fam. guadagnò notevole prestigio anche ricoprendo la presidenza del Musikkollegium, la soc. più rinomata di Winterthur, tra il 1679 e il 1800, e quali membri ereditari della Camera dei signori (accanto alla fam. Steiner).

I rami della fam. attestati a Stein am Rhein, come cancellieri e membri del Piccolo Consiglio, e a Lucerna, dove Gebhart (->) ottenne la cittadinanza nel 1576, si estinsero evidentemente in breve tempo. Dalla seconda metà del XVII sec. esiste un ramo a Kloten. Per ragioni confessionali o commerciali e per prestare servizio militare numerosi H. si trasferirono all'estero; Laurenz (1733-1807) per esempio ebbe rapporti con Bordeaux, Norimberga, Francoforte, Amburgo e Amsterdam.

Dopo il 1814 la fam. perse rapidamente la sua posizione dominante a Winterthur. Solo Hans Ulrich (1774-1839) fece ancora parte dal 1816 al 1839 del Consiglio cittadino. Ulrich Reinhart (1791-1880), pasticciere, cartolaio, stampatore di libri ed editore del Landbote (1836-57), divenne noto grazie al Literarisches Comptoir da lui fondato nel 1840, che sotto la direzione di Julius Fröbel diffuse tra il 1841 e il 1845 opere vietate della Germania rivoluzionaria. Petrus Reinhard (1832-1909), figlio di Ulrich Reinhart, divenne medico, pres. della Soc. dei medici, membro della Soc. di scienze naturali e della Camera dei signori. Salomon (->) si fece un nome come ingegnere civile. Nel 1893 la fam. ottenne la cittadinanza anche a Zurigo. Dal 1915 non è più rappresentata a Winterthur.

Riferimenti bibliografici

  • Doc., atti, registri dei cancellieri e dei landscribi presso ACit Winterthur
  • Ms. e collez. di quadri nel fondo Ulrich Hegner presso BCit Winterthur
  • Atti notarili del baliaggio di Kyburg presso StAZH
  • Genealogie presso ZBZ
  • Schweiz. Geschlechterbuch, 7, 220-227
  • Wappen, Orte, Namen, Geschlechter, 1981
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF