de fr it

François-Louis dePesmes de Saint-Saphorin

nel febbraio del 1668 nel castello di Saint-Saphorin presso Morges, 16.7.1737 nel castello di Saint-Saphorin, rif., di Ginevra. Figlio di Isaac, cosignore di Saint-Saphorin, e di Elisabeth Rolaz. Esther Darbonnier, figlia di Louis-Frédéric, signore di Dizy. Cognato di Jacques François de Goumoëns. Attivo nella fanteria olandese (1685-88) e nella flottiglia imperiale del Danubio in Ungheria (dal 1692), fu poi viceammiraglio (1695) e comandante durante la battaglia di Zenta (oggi Senta, Serbia), che si concluse con la vittoria del principe Eugenio di Savoia sui Turchi. In seguito divenne colonnello della fanteria (1702) e maggiore generale (1705). Nel corso della guerra di successione spagnola, malgrado fosse privo di mandato ufficiale, ricoprì una duplice funzione diplomatica: da una parte affiancò, quale agente imperiale, l'inviato austriaco in Svizzera, Franz Ehrenreich von Trauttmansdorff, dall'altra fu inviato dei cant. rif. alla corte di Vienna per convincere i Conf. ad aderire alla causa degli Alleati. Inoltre contribuì in maniera determinante, in rappresentanza degli interessi di Berna, all'attribuzione del principato di Neuchâtel al re di Prussia (1707-08). Nel 1712 concluse per Berna un'alleanza difensiva e una capitolazione militare con le Province Unite. Rappresentò i cant. rif. ai negoziati per le paci di Utrecht (1713) e di Baden (1714), cui partecipò ufficialmente come inviato di Hannover. Nel 1715 divenne tenente generale al servizio del re d'Inghilterra Giorgio I, che più tardi lo nominò suo residente alla corte di Vienna (1717-27) dove, oltre a rinnovare l'amicizia con il principe Eugenio di Savoia, contribuì alla conclusione della quadrupla alleanza (Inghilterra, Francia, Austria e Paesi Bassi) contro la Spagna (1718). Si impegnò in particolare a favore dell'alleanza di Londra con Vienna contro l'egemonia borbonica e l'universalismo catt., come attestato anche dagli intensi rapporti epistolari che intrattenne dalla sua residenza a Saint-Saphorin dopo il ritiro dalla vita attiva.

Riferimenti bibliografici

  • AFam de Mestral presso ACV
  • A. Lätt, «Zwei schweizerische Diplomaten im Dienste Grossbritanniens», in BZGA, 21, 1923, 127-157
  • S. Stelling-Michaud, Saint-Saphorin et la politique de la Suisse pendant la guerre de Succession d'Espagne (1700-1710), 1934
  • T. Gehling, Ein europäischer Diplomat am Kaiserhof zu Wien, 1964
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
François-Louis de Pesmes
Dati biografici ∗︎ nel febbraio del 1668 ✝︎ 16.7.1737