de fr it

Giovanni AntonioViscardi

27.12.1645 San Vittore, 9.9.1713 Monaco di Baviera, catt., di San Vittore. Figlio di Bartolomeo (->). (1675) Maria Magdalena Tognola. Attivo in Baviera dal 1674, nel 1678 ottenne la carica di capomastro di corte e nel 1685 quella di architetto di corte. Costruì la scuola superiore dei gesuiti a Landshut (1688), il palazzo della contessa Maria Adelheid Theresia von Rivera-Preysing a Monaco (1695) e il palazzo del decanato di Landshut (1696-98). Su incarico del principe elettore nel 1692-94 edificò il convento di Fürstenfeld e ne progettò la chiesa (lavori iniziati nel 1700). Nel 1697 realizzò il castello Neuhofen a Sendling presso Monaco e restaurò la chiesa gesuita di S. Michele a Monaco (1697-98). Eresse inoltre il castello di Helfenberg (1696-1707) e, dal 1700 al 1710, la chiesa di Maria Ausiliatrice di Freystadt, considerata il suo capolavoro. Nel 1700-02 fu ad Augusta per la trasformazione della chiesa di S. Salvatore e nel 1702-07 costruì il convento premonstratense a Schäftlarn, poi assunse la costruzione di due nuovi padiglioni del castello di Nymphenburg (1702) e del colonnato a Lustheim (1702-05). Seguì un periodo di intensa attività quale architetto di corte in diverse località della Baviera, con la costruzione di edifici sacri e profani. Nel 1705 avviò la costruzione della chiesa dei premonstratensi di Neustift, dove realizzò probabilmente anche il convento. Nel 1705 elaborò il primo progetto per la chiesa della Trinità a Monaco, costruita tra il 1711 e il 1714. A San Vittore ampliò e restaurò il palazzo di fam., edificato dal padre, che dal 1949 ospita il Museo moesano. Due mesi prima della morte fu nominato primo architetto della corte e della Baviera. Considerato uno dei massimi architetti moesani, i suoi numerosi lavori influenzarono notevolmente i successivi costruttori ted. Dei diversi figli di V., Antonio fu governatore della Valtellina.

Riferimenti bibliografici

  • A. M. Zendralli, I magistri grigioni, 1958, 146-152
  • K.-L. Lippert, G. A. Viscardi, 1969
  • M. Pfister, Baumeister aus Graubünden, Wegbereiter des Barock, 1993, 66-74, 289 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 27.12.1645 ✝︎ 9.9.1713