de fr it

AntonioPorta

1631/32 Manno, 1702 Bayreuth, catt., di Manno. Figlio di Francesco. Studiò l'architettura dell'Italia del nord e probabilmente seguì un apprendistato a Vienna. Dal 1662 al 1666 lavorò come architetto per il conte Ferdinand von Verdenberg a Grafenegg (Bassa Austria). Trasferitosi in Boemia (1668 ca.), fino al 1697 fu attivo al servizio del principe Wenzel Eusebius von Lobkowicz e di suo figlio Ferdinand August. Su loro commissione realizzò la sua opera principale, il palazzo Lobkowicz a Roudnice nad Labem (oggi Repubblica Ceca), progettato nel 1672 a completamento della costruzione avviata negli anni 1652-65 da Francesco Caratti. Dal 1697 fu al servizio del margravio Christian Ernst von Brandenburg-Bayreuth. A Manno costruì la casa di fam. (1688-90); destinò i suoi beni nel com. a opere pie e ai giovani del luogo intenzionati a compiere studi artistici a Roma. Figura minore dell'architettura barocca, si distinse tuttavia per il sapiente utilizzo dell'ordine gigante.

Riferimenti bibliografici

  • The Dictionary of Art, 25, 1996, 257 sg.
  • K. Bigger, «La casa Porta a Manno», in A + A, 55, 2004, fasc. 2, 74-77
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF