de fr it

Revue de Genève

Creata nel 1920, la Revue de Genève si fuse con la Bibliothèque universelle (Bibliothèque universelle et Revue de Genève dal dicembre del 1924) e apparve fino al 1930; fu diretta da Robert de Traz, dopo la fusione insieme a Jacques Chenevière. Rivista mensile con aspirazioni intellettuali e documentazione originale, la Revue fu il contributo della Svizzera e di Ginevra alla Società delle Nazioni, nella tradizione dello "spirito di Ginevra". La rivista era costituita da tre sezioni: una parte letteraria (testi di scrittori e di saggisti europei, di lingua e cultura diverse, affiancati e senza altre mediazioni se non la traduzione), una parte di cronaca nazionale e una terza sezione di cronaca intern., per informare sulle attività della SdN. Vi furono pubblicate la prima opera di Sigmund Freud in traduzione franc. nel 1920-21 (Psicoanalisi. Esposizione divulgativa in cinque conferenze), i primi saggi di Denis de Rougemont e di Marguerite Yourcenar, e opinioni importanti sulla Germania di Ernst Robert Curtius, Victor Klemperer e Hermann von Keyserling.

Riferimenti bibliografici

  • J.-P. Meylan, La Revue de Genève, 1969
  • Francillon, Littérature, 2, 242-244
  • L. Charrier, La Revue de Genève, les relations franco-allemandes et l'idée d'Europe unie (1920-1925), 2009
Link
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Jakubec, Doris: "Revue de Genève", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 11.05.2012(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/024587/2012-05-11/, consultato il 27.10.2020.