de fr it

Paul EmilRüegg

30.3.1898 Zurigo, 6.1.1942 Unione Sovietica, di Bauma. Figlio di Paul, tintore di seta, e di Katharina Barth. Gertrud Fischbach, di Berlino. Falegname modellista, aderì alla Gioventù socialista (1912) e al PSS (1918). Tra il 1919 e il 1921 fu attivo come corriere dell'apparato illegale del Komintern. Capo della frazione comunista, nel 1921 fu espulso dalla FLMO; divenne poi membro del comitato centrale del PC sviz. e amministratore del Vorwärts di Basilea (1921-23). In seguito fu studente all'Univ. comunista delle minoranze nazionali dell'Occidente a Mosca (1924) e lavorò in diverse fabbriche di locomotive nell'Unione Sovietica. Arrestato nell'agosto del 1937 durante il grande terrore staliniano, divenne noto insieme alla moglie perché i loro nomi e passaporti furono utilizzati in una campagna intern. del Komintern (1931-32) per nascondere la vera identità di Jakov Rudnik e Tatjana Moiseenko-Velikaja, agenti di collegamento arrestati a Shanghai.

Riferimenti bibliografici

  • P. Huber, Stalins Schatten in die Schweiz, 1994, 231-246
  • B. Studer, Un parti sous influence, 1994, 535-540, 697, 717
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 30.3.1898 ✝︎ 6.1.1942