de fr it

Maestrani

Fam. di Aquila (oggi com. Blenio), attiva nel XIX e XX sec. nella produzione e nel commercio di cioccolato. Giuseppe, già emigrante in Lombardia, fu cioccolataio a Lugano negli anni 1826-29. Aquilino (->), suo figlio, aprì una fabbrica di cioccolato a Lucerna (1852), poi trasferita a San Gallo (1859). I suoi tre figli, Ludovico, Roberto e Savino, ne ampliarono la sede (1884) e avviarono una filiale a Bregenz (1887-97). Nel 1905 la ditta aumentò il capitale con apporti esterni, per affrontare il mercato americano; in seguito a un'ulteriore ricapitalizzazione (1912-13) la fam. perse il controllo dell'azienda, che da allora assunse la ragione sociale Maestrani Schweizer Schokoladen AG. Nel 1923 Jakob Guyer, fiduciario, risanò l'azienda su incarico di una banca creditrice e la diresse fino al 1961, riportandola al successo commerciale. Tra il 1998 e il 2001 è avvenuta la fusione con la fabbrica di cioccolato Munz di Flawil, dove è stata progressivamente trasferita la produzione del gruppo. Attorno al 2000 la soc. dava lavoro a ca. 180 impiegati e aveva una cifra d'affari annua di ca. 48 milioni di frs. Anna M., nuora di Roberto, fu comproprietaria della ditta A. Maestrani & Co, attiva a Lugano dal 1922 al 1927.

Riferimenti bibliografici

  • F. Bruni, I cioccolatieri dall'artigianato all'industria, 1946
  • Centenario Cioccolata Maestrani 1852-1952, 1952
  • Giornale del Popolo, 27.2.2001