de fr it

Respini

Fam. di Cevio, probabilmente originaria della valle Vigezzo - un Raspinus è menz. nel 1406 a Folsogno, frazione del com. di Re - e della val d'Ossola, stabilitasi anche a Locarno all'inizio del XVIII sec. Filippo (1794-1879), notaio e segr. di tribunale, venne condannato in contumacia a dieci anni di reclusione per aver partecipato ai moti controrivoluzionari ticinesi del 1841. Suo figlio Gioachimo (->), massimo esponente politico della fam., fu una figura di spicco del partito liberal-conservatore all'epoca del cosiddetto governo del "Nuovo Indirizzo". Nel XX sec. i R. annoverarono diversi deputati al Gran Consiglio ticinese, tra cui i conservatori Giuseppe (1957), figlio di Gioachimo, e Florindo (1863-1942) e il radicale Mario R.-Orelli, avvocato e pubblicista antifascista, che nel 1930 fece parte del collegio di difesa nel processo Bassanesi. Renzo (1944) è stato Consigliere di Stato (1983-95) e poi Consigliere agli Stati (1995-99) per il PPD.

Riferimenti bibliografici

  • BSSI, 1889, 284
Scheda informativa
Variante/i
Raspini