de fr it

Bündner Tagblatt

Quotidiano fondato a Coira nel 1852 dai tipografi Pargätzi & Felix con il nome di Tagblatt für den Kanton Graubünden; assunse il nome di Bündner Tagblatt nel 1853. Indipendente da ogni partito politico, ma di tendenza liberale, il giornale divenne uno dei fogli più diffusi negli anni 1857-71, sotto la direzione di Christian Tester. Dopo il cambio di proprietà nel 1870 e il ritiro di Tester nel 1872, il foglio appoggiò la politica conservatrice, divenendo dal 1921 organo di diversi partiti di orientamento conservatore. Negli anni '70 il Bündner Tagblatt, dichiaratosi apartitico nel 1977, incontrò difficoltà finanziarie, che lo condussero a brevi collaborazioni con il Freier Rätier, l'Ostschweiz e il Rheintaler. Nel 1986 Christoph Blocher, Consigliere nazionale zurighese dell'Unione democratica di centro e direttore della Ems-Chemie Holding, acquistò la maggioranza delle azioni del giornale, allora minacciato di chiusura. Nel 1996 il foglio venne integrato operativamente nella Gasser Media AG (oggi Südostschweiz Presse AG), anche se il pacchetto azionario rimase nelle mani di Blocher. Indipendente sul piano redazionale, il giornale riprende le inserzioni dall'edizione regionale grigionese della Südostschweiz. Nel 2000 venivano tirate 12'118 copie.

Riferimenti bibliografici

  • D. Foppa, Die deutschsprachige Tagespresse des Kantons Graubünden, lavoro di diploma Friburgo, 1995, 41-74
Link
Altri link
e-LIR
Controllo di autorità
GND

Suggerimento di citazione

Bollinger, Ernst: "Bündner Tagblatt", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 14.04.2003(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/024766/2003-04-14/, consultato il 26.01.2021.