de fr it

LaSuissegiornale

Ex quotidiano ginevrino, pubblicato la prima volta all'inizio del maggio 1898, in tre diverse edizioni giornaliere, vendute in strada a 5 centesimi la copia. Il primo caporedattore fu Gaspard Vallette. In origine portavoce del partito democratico risp. liberale, dal 1903 divenne un organo di informazione popolare indipendente. Nei primi tre anni, e in seguito nuovamente dal 1913, La Suisse uscì anche la domenica. Entrò nella storia della stampa per la prima edizione straordinaria del settembre 1898 dedicata all'assassinio dell'imperatrice Elisabetta d'Austria. Durante la prima guerra mondiale uscirono oltre 100 numeri speciali, che si distinsero per la loro attualità.

Dal 1918 Alfred Nicole fece parte del consiglio di amministrazione della Société de publicité et d'imprimerie, soc. editrice del quotidiano. Tra il 1929 e il 1964 ne diresse la pubblicazione come amministratore delegato della Sonor SA, di cui Jean-Claude Nicole, suo abiatico, divenne direttore nel 1962. Sotto la guida di quest'ultimo, con strategie di marketing aggressive e un ampliamento della redazione sportiva, nel decennio 1970-80 La Suisse raggiunse la massima tiratura, con oltre 85'000 copie. Particolarmente apprezzate furono le rubriche umoristiche di Jack Rollan (Le Bonjour) e Raoul Riesen (Le Renquilleur), "giullare" del giornale. Gli investimenti audaci di Nicole, come il progetto della televisione satellitare Tel Sat, la radio locale Mont-Blanc e l'acquisto di testate (tra cui La Gazette de Moutier e La Semaine sportive) furono all'origine delle difficoltà del giornale, sfociate nel fallimento nel marzo del 1995.

Riferimenti bibliografici

  • La Suisse: un journal disparu il y a une année, 1995