de fr it

Tribune de Genève

Quotidiano della sera fondato da James Bates nel 1879, con due edizioni giornaliere dal 1880, tre, quattro poi cinque dal 1882 e poi di nuovo un'unica edizione, della sera dal 1956 e del mattino dal 1990. Nel primo numero il foglio dichiarò la propria vicinanza al partito democratico (precursore del partito liberale), ma rimase politicamente indipendente. Si concentrò su Ginevra, con notizie locali e fatti di cronaca. La direzione fu assunta da Alfred Bouvier (fino al 1911), Edouard Bauty (fino al 1918) e poi da Edgar Junod. La funzione venne divisa nel 1938: Junod, direttore, venne affiancato da Gaston Bridel in veste di caporedattore (1938-60); a quest'ultimo sono poi succeduti Georges-Henri Martin (1961-82), Daniel Cornu (1982-92), Guy Mettan (1992-98), Marco Cattaneo (1998-2000), Dominique von Burg (2000-06) e Pierre Ruetschi (dal 2006). La Société typographique de Genève boicottò il giornale tra il 1909 e il 1913 a seguito del licenziamento di alcuni operai che avevano scioperato. Nel 1991 il gruppo Edipresse divenne proprietario del 95% delle quote della testata, che nel 2011 rivendette a Tamedia. Quotidiano a larga diffusione, la Tribune de Genève collabora redazionalmente con il quotidiano 24 heures, con cui condivide una piattaforma internet. Nel 2010 la tiratura era di 54'068 copie.

Riferimenti bibliografici

  • Tribune de Genève, 22.3.1941
  • Blaser, Bibl., 1024
  • Encycl.GE, 4, 120
  • C. Heimberg, «Le boycott de la "Tribune de Genève", entre affirmation d'une résistance et réalité d'un baroud d'honneur (1909-1913)», in Pour une histoire des gens sans histoire, a cura di J. Batou et al., 1995, 181-191