de fr it

Bonhôte

Fam. originaria di Peseux; Claude (1504) è il capostipite di una genealogia che è possibile ricostruire con precisione. I B. esercitarono spec. professioni liberali; molti furono notai, altri si dedicarono al ministero pastorale, altri ancora, come Eugène (->), abbracciarono la carriera politica. Un ramo della fam. fu attivo nel settore bancario: nel 1895 Paul (1868-1936) rilevò con un socio la Banca Petitmaître e fondò il proprio ist., che assunse dapprima la ragione sociale di Antenen, Bonhôte e Cie, poi quella di Bonhôte e Cie (1903). Nel 1936 gli succedette suo figlio Claude (1903-1988), che nel 1987 vendette l'ist. alla holding Prigest SA (Câbles Cortaillod SA). Dal 1992 la banca ha ripreso la ragione sociale Bonhôte & Cie; un membro della fam. figura tra i membri del consiglio di amministrazione.

Suggerimento di citazione

Volorio Perriard, Myriam: "Bonhôte", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 06.10.2004(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/024953/2004-10-06/, consultato il 27.11.2021.