de fr it

Houriet

Fam. di Saint-Imier (XVI sec.), in seguito di Sonvilier, Tramelan, Le Locle e Bienne. Uno dei rami della fam. ha dato vita a una stirpe di orologiai. Jacob, di Sonvilier, si stabilì attorno al 1750 a Le Locle, importante centro orologiero, di cui divenne cittadino nel 1763. I suoi figli fondarono una vera e propria dinastia di orologiai, divenuta ancora più importante grazie alle unioni matrimoniali con i Calame (decoratori di casse di orologi), i Courvoisier (specializzati nella fabbricazione e nel commercio orologiero) e i Faure (fabbricanti di strumenti per l'orologeria). In questo modo la fam. H. abbracciò tutte le fasi produttive del settore orologiero, dalla produzione degli ingranaggi alla vendita. La generazione successiva, che si unì per via matrimoniale in particolare con gli Jürgensen, proseguì la tradizione di fam., espandendo l'attività in tutta Europa. L'evoluzione della professione e l'estinzione delle botteghe fam. furono all'origine di un processo di dispersione della fam. nella seconda metà del XIX sec.

Riferimenti bibliografici

  • J.-M. Barrelet, «De la noce au turbin: famille et développement de l'horlogerie aux XVIIIe et XIXe siècles», in MN, 1994, 213-226