de fr it

ZieglerSO

Fam. solettese di medici, commercianti e industriali della carta, il cui capostipite è forse Peter, che ottenne la cittadinanza di Soletta nel 1357. La genealogia della fam. eleggibile al Consiglio è documentata dalla fine del XVI sec. Urs (1597) fu membro del Grande e del Piccolo Consiglio (Jungrat) e più tardi medico a Salisburgo, Ludwig (1613) fu scoltetto di Olten (1599-1605 e 1611-13). Benedikt (1663-1740) fu medico cittadino di Soletta. Suo pronipote Benedikt (->) nel 1798 acquisì la cartiera di Kriegstetten e diede vita a un ramo della fam. che fu attivo nella produzione di carta per sette generazioni. Uno dei suoi figli, Balthasar (1797-1864), fu medico cittadino di Soletta. Rudolf (1828-1881), figlio di quest'ultimo, fu dapprima medico e dal 1863 agente assicurativo, giornalista e scrittore.

Joseph (1785-1862), un altro figlio di Benedikt, nel 1828 rilevò la cartiera di Kriegsstetten e nel 1835-36 meccanizzò la produzione. I suoi figli Benedikt (1816-1881) e Josef (1818-1887) gestirono la fabbrica dal 1846 fino alla chiusura (1881). Il primo diede l'impulso per la costruzione del canale della Emme (1858) e dal 1870 aprì due fabbriche di pasta di legno (in sostituzione degli stracci nella fabbricazione della carta) a Bätterkinden, che nel 1872 fece confluire nella soc. anonima delle fabbriche di pasta di legno della Emme e del Rodano. Josef fondò nel 1860 con Niklaus Kaiser (1819-1886) una fabbrica di carta a Grellingen, che riforniva spec. la passamaneria. Nel 1863 seguì la creazione della Holzstofffabrik Kaiser, Ziegler & Co, che con la denominazione Gesellschaft für Holzstoffbereitung trasferì la propria sede a Basilea (1883). Josef rilevò nel 1875 dal suocero, Michael Thoma, la cartiera di Todtnau (Foresta Nera), che poi passò al figlio Berthold (1860-1905) e fu attiva fino al 1977. Da Kaiser acquistò la sua parte dell'impianto di Grellingen (1878), che nel 1883 cedette al figlio Albert (1851-1929). Quest'ultimo lo trasformò nella soc. in accomandita Albert Ziegler & Cie (SA dal 1923). In seguito alla crisi economica mondiale degli anni 1930-40, le turbine che alimentavano la fabbrica di Grellingen (Büttenen 1 e 2) vennero convertite in centrali elettriche, a cui si aggiunsero altre due officine a Grellingen (im Moos) e Nenzlingen. Le quattro centrali elettriche nel 2006 furono riunite in una soc. anonima distinta, ceduta nel 2008 all'Atel (dal 2009 Alpiq). La Ziegler Papier AG (dal 1988) fu venduta dalla fam. nel 2009 a Philipp Kuttler-Frey e Isabel Frey Kuttler.

Riferimenti bibliografici

  • AFam; protocollo del Consiglio di Stato, 3.11.1858, n. 1980, presso StASO
  • 100 Jahre Papierfabrik Albert Ziegler AG, Grellingen, 1861-1961, 1961
  • M. Ziegler, Die Familie Ziegler von Solothurn, ms., 2002 (presso StASO)
  • R. L. Frey (a cura di), Papier und wir, 2011
  • AA. VV., Bätterkinden, 2011, 259-262

Suggerimento di citazione

Krüger, Tobias; Degen, Bernard: "Ziegler (SO)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 22.10.2013(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/025029/2013-10-22/, consultato il 25.11.2020.