de fr it

Fassbind

Antica famiglia di Svitto, della circoscrizione di Arth, ancora oggi con diritto di cittadinanza ad Arth, Ingenbohl, Lauerz, Svitto e Steinen. Un suo ramo dal XIV secolo è cittadino di Lucerna. Tra gli esponenti della famiglia vi furono molti membri del Consiglio di Svitto, sei balivi, tre presidenti (Siebner) della circoscrizione, due cancellieri di Svitto e due cancellieri del principe abate di Einsiedeln. Franz Fassbind (1645-1712), balivo e presidente (Siebner) della circoscrizione, negli anni 1705-1706 fu più volte delegato alla Dieta. Gottfried Fassbind e suo figlio Joseph ricoprirono le cariche di Consigliere di Stato e Landamano. Gottfried Fassbind (1854-1924), fratello di Joseph, fu presidente del Gran Consiglio (1882-1883) e presidente della Banca cantonale (1890-1903). Per cinque generazioni, dal 1846 al 1994, la famiglia gestì un commercio di vino e una distilleria a Oberarth. Con l'acquisto del Rössli a Brunnen nel 1819 (venduto nel 1874), l'apertura del Waldstätterhof nel 1870 (venduto nel 1963) e di alberghi a Rigi-Klösterli (1890-1950), Rigi-Kaltbad (1927-1960) ed Engelberg (1905-1956), i Fassbind crearono un impero alberghiero tuttora esistente, con alberghi a Lugano (dal 1912), Losanna (dal 1962), Vitznau (dal 1964-2003), Ginevra (dal 1980), Berna (dal 1980) e Zurigo (dal 2014).

Un ramo di Lachen annoverò un tesoriere e un Vicelandamano della March. Georg Johann Fassbind, intendente dell'arsenale e capitano generale della March, si trasferì nel 1619 a Svitto. Rochus Dominik Fassbind (1688-1784), presidente (Siebner) della circoscrizione, istituì a Svitto delle fondazioni a favore dell'ospedale e dell'assistenza ai poveri cui legò oltre 20'000 fiorini.

Riferimenti bibliografici

  • Staatsarchiv Schwyz, Svitto, Personalakten.
  • Styger, Martin: Wappenbuch des Kantons Schwyz. Opus posthumum, 1936, p. 38.

Suggerimento di citazione

Auf der Maur, Franz: "Fassbind", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 18.06.2020(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/025042/2020-06-18/, consultato il 26.10.2020.