de fr it

Gisler

Antica fam. presente in particolare nel cant. Uri, spec. a Spiringen, Altdorf, Bürglen, Schattdorf, Seedorf e Unterschächen. Per distinguere i singoli ceppi, soprattutto nello Schächental si ricorre a soprannomi derivanti dai nomi di una tenuta o di un antenato (ds Butzligers, ds Trini-Fränzelers). Le relazioni di parentela tra i vari rami della fam. non sono documentate. Un certo Walter fu menz. nel 1365 come arbitro in una disputa sulle aree boschive a Seelisberg. Nel 1515 tre G. perirono a Marignano. Dal XVI sec. sono attestati esponenti della fam. come inviati alla Dieta fed. e balivi nei baliaggi it. e ted. Quale capostipite del ramo più importante, il libro genealogico urano registra un certo Kaspar (1643), sposato con Anna Imholz (1633), contadino nel podere Hoffuhr a Spiringen. Peter (->) fu il primo G. a rivestire la carica di Landamano urano, assunta di nuovo da un esponente della fam. solo con Ambros (1941) dal 1990 al 1992. Durante l'ancien régime la fam., nonostante fosse numerosa, occupò solo raramente cariche politiche. Anche se si distinsero pure nel servizio militare e mercenario, i G. non ricoprirono tuttavia quasi mai il rango di ufficiali. Dal 1895 al 2000 la fam. fu molto presente nel Gran Consiglio di Uri e con Karl (->), Karl (->) e Ambros(∗︎1941) ebbe tre Consiglieri di Stato. Molti G. fecero parte del clero come parroci e dal XIX sec. rivestirono anche alte cariche ecclesiastiche come Franz Martin (1750-1821), decano del capitolo dei Quattro cant., Johann Josef (1794-1861), commissario vescovile, Josef (->), Johann Anton (1841-1917), commissario vescovile, e Anton (->). Fino al XX sec. i G. furono per lo più contadini di montagna; alcuni fondarono aziende artigianali e piccole imprese, soprattutto nei settori della stampa, dei trasporti e delle automobili.

Riferimenti bibliografici

  • Libro genealogico di Uri, 12-14 (presso StAUR)