de fr it

JohannesLüthard

8.7.1542, di Lucerna. Figlio di Niklaus, detto Sündli, membro del Gran Consiglio di Lucerna. (1528) una Elspetha. Entrato nel convento francescano di Lucerna, fu predicatore presso il convento degli scalzi di Basilea. Nel 1523 il Consiglio di Basilea lo difese dalle accuse di Kaspar Schatzger, provinciale dei francescani, che lo tacciava di essere un "luterano". Con la partenza per Zurigo del confratello Conrad Pellican (1526) perse un importante consigliere e amico. Durante la Disputa di Baden (1526) L., conosciuto come un eloquente oratore, rifiutò di fornire qualsiasi indicazione sulle sue convinzioni religiose. Dopo l'esenzione dalla messa (1527) e il primo ordinamento ecclesiastico rif. (1529) a Basilea, fu predicatore presso il convento degli scalzi e l'ospedale, e cappellano militare. Insieme a Oswald Myconius sostenne l'avvicinamento dei rif. sviz. a Martin Lutero. Nel 1539 compì studi all'Univ. di Basilea. Nel conflitto di competenza relativo all'istruzione scolastica a Basilea difese i diritti della Chiesa.

Riferimenti bibliografici

  • W. Brändli, «J. Lüthard, der Mönch von Luzern», in Zwingliana, 8, 1946, 305-341
Scheda informativa
Dati biografici ✝︎ 8.7.1542
Classificazione
Religione (cattolicesimo)