de fr it

WeissenbachZG

Fam. poco numerosa di dimoranti (Beisassen) a Zugo, originaria della Germania meridionale e fra le più influenti della città, spec. nel XVII sec. Il primo esponente attestato a Zugo (1598) è il maestro monetiere Kaspar (->), che strinse stretti legami di parentela con le più influenti fam. cittadine. Nel 1609 ampliò la zecca, risalente al 1580 ca., in un edificio di rappresentanza con annessa officina di coniazione. Fino agli inizi del XVIII sec. il palazzo fu residenza della fam., che annoverò per quattro generazioni maestri monetieri zughesi. Dopo Kaspar la carica tornò a essere occupata attivamente da Johann Karl (1643-1716), cancelliere del convento di Muri, che nel 1690/91-94 fece coniare monete di Zugo da Jörg Krauer, maestro monetiere lucernese imparentato con i W. L'ultimo maestro monetiere fu Fridolin, che batté moneta a Friburgo in Brisgovia (1703). Numerosi W. furono preti o suore, tra cui Coletta (1605-1675), figlia di Kaspar e superiora nel convento della Presentazione di Maria a Zugo, e Johann Caspar (->), abiatico di Kaspar e importante poeta barocco. La linea zughese si estinse con Karl Kaspar (1675-1749), che nel 1744 vendette a Johann Kaspar Luthiger la tenuta Sankt Karl presso Zugo, proprietà della fam. dal 1624.

Riferimenti bibliografici

  • F. Wielandt, Münz- und Geldgeschichte des Standes Zug, 1966