de fr it

Morandi

Fam. vodese di fabbricanti di laterizi originaria di Bombinasco (com. Curio). Leonardo, detto Léonard (1840-1898), apprese il mestiere nell'Italia settentrionale e lavorò a Vienna e Bucarest. Fabbricante di laterizi a Cossonay assieme a un cugino (1888), acquistò nel 1889 a Corcelles-près-Payerne un'azienda agricola con un forno di argilla (costruito nel 1864). L'impresa (eredi Morandi, 1898-1911; Morandi Frères, dal 1911; soc. anonima, dal 1934) è tuttora gestita dalla fam. (2007). I figli di Léonard, Silvio (1883-1977), cittadino onorario di Corcelles (1963), e Giovanni, detto Jean (1877-1933), ampliarono l'azienda nel 1920 e introdussero la meccanizzazione (numerosi essiccatoi e tre forni). Dal 1922 Silvio diresse da solo la ditta. Esponenti della terza generazione dei M. furono i figli di Silvio, Robert (1912-1997) e Gérard (1920-1988) e della quarta il figlio di Robert, Claude (1943), che divenne direttore dell'azienda nel 1972. Attraverso l'acquisizione della Briqueterie mécanique SA di Payerne, della fabbrica di mattoni di Peyres-Possens (1944), delle Tuileries Dutoit et Cie di Yvonand (1952) e del gruppo Barraud et Cie (1953), la Morandi Frères SA divenne il principale fornitore di terracotta della Svizzera franc., puntando anche su una diversificazione della produzione (pavimenti prefabbricati, mattoni in cemento e canne fumarie) e modernizzando le macchine di produzione (riscaldamento a gas naturale a Corcelles nel 2004). In seguito all'automazione (nuove catene di produzione nel 1981, 1984 e 1989), il numero di dipendenti è diminuito (360 nel 1964, 70 nel 1994, 60 nel 2007).

Riferimenti bibliografici

  • Archivio Morandi Frères SA, Corcelles-près-Payerne
  • Publi-rétro, 1976
  • AA. VV., Portraits de 250 entreprises vaudoises, 1980, 28 sg.
  • E. W. Altherr, E. Medici, Curio e Bombinasco dagli albori, 1993, 241-258