de fr it

JeanLullin

prima del febbraio del 1546, rif. (1532), di Ginevra. Figlio di Jean, di Ginevra, e di Catherine de Vellis. 1) Barbe Embler; 2) Françoise Pollier, figlia di Henri, Consigliere. Gestì l'albergo dell'Orso a Saint-Gervais (com. Ginevra). Membro del partito degli Eidguenots, fuggì a Friburgo nel 1525 e partecipò nel 1526 alla stesura del trattato di comborghesia fra Ginevra, Friburgo e Berna. Consigliere (1526-39) e syndic nel 1538, fu incaricato di missioni diplomatiche a Berna, dove nel 1539 concluse degli accordi sfavorevoli alla sua città. Membro del gruppo degli Articulans o Artichauts, venne sconfessato dal Consiglio generale. Condannato a morte in contumacia il 5.6.1540, quattro anni più tardi fu amnistiato.

Riferimenti bibliografici

  • A. Roget, «J. Lullin», in Almanach de la Suisse romande, 1876, 94-108
  • A. Choisy, Généalogies genevoises, 1947, 217