de fr it

JohannBärtschi

ca. 1592 Sursee, 6.7.1660 Schönenwerd, catt., di Sursee. Figlio di Johannes Sebastian, insegnante di lat., originario di Nyon. Studiò filosofia a Dillingen (1623-25) e teol. a Friburgo in Brisgovia (1627). Ordinato sacerdote nel 1628, fu dapprima parroco a Bärschwil, poi a S. Nicolao a Soletta (1629) e a Luthern (1630). Dal 1634 al 1639 fu docente di lat. a Soletta, presso il capitolo di Sankt Ursen, dove aveva insegnato già nel 1625. Fu in seguito canonico, responsabile degli edifici, segr. e custode del capitolo di Schönenwerd. B., che già nel 1625 aveva compilato una raccolta di proverbi ted., nel 1648 pubblicò una traduzione ted. e una parafrasi lat. in versi classici dell'inno mariano di S. Casimiro, patrono della Polonia. La formazione umanistica di B., noto anche con il nome latinizzato di Barzäus, è pure attestata dalle Heroum Helvetiorum epistolae, opera in distici ed esametri (pubblicata nel 1657 e ristampata nel 1658) che lo rese celebre.

Riferimenti bibliografici

  • L. R. Schmidlin, «Die Solothurner Schriftsteller im 17. Jahrhundert», in ZSK, 6, 1912, 122-126
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Johann Barzäus
Dati biografici ∗︎ 1592 ca. ✝︎ 6.7.1660