de fr it

FrancescoBonesana

27.5.1649 (Giambattista) Milano, 12.12.1709 Balerna, di Milano. Figlio di Cesare, conte, e di Cecilia Besozzi. Entrato nell'ordine dei teatini, fece professione nel 1665; sacerdote dal 1672. Inviato in Polonia, insegnò al collegio teol. di Leopoli (oggi Lviv, Ucraina). Nel 1688 fu nominato commissario apostolico presso l'esercito polacco e, dalla fine del 1689 al giugno 1690, ricoprì pure la funzione di nunzio ad interim presso il re Giovanni III Sobieski. Rientrato in Italia nel 1691, venne nominato da Innocenzo XII dapprima vescovo di Caiazzo (1692-95), e poi trasferito a Como (1696-1709); il suo episcopato fu caratterizzato in particolare da un severo controllo sul clero e sui conventi e dalla difesa dei diritti giurisdizionali della Chiesa nei baliaggi it. degli Svizzeri contro le ingerenze dei balivi. Con i cant. catt. concluse una convenzione per la vendita di diritti della mensa episcopale nel Ticino che tuttavia non venne ratificata dal papa.

Riferimenti bibliografici

  • DBI, 11, 785-787
  • HS, I/6, 195 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF