de fr it

Joseph-Nicolas deMontenach

25.2.1709 Friburgo, 5.5.1782 Friburgo, catt., di Friburgo. Figlio di Béat Nicolas, membro del Piccolo Consiglio, e di Anne Marie Carmintran. Suddiacono del capitolo di S. Nicola a Friburgo (1730), venne ordinato prete a Friburgo (1732) e fu poi priore a Broc (1737-39) e assistente presso la curia vescovile di Friburgo. Nel 1758 venne nominato vescovo di Losanna; l'anno successivo fu consacrato a Porrentruy. Mosso dalla preoccupazione di accrescere le basi materiali della Chiesa, in particolare della mensa vescovile, di concerto con il nunzio Niccolò Oddi ventilò il progetto di sopprimere una delle due certose presenti nel cant. Friburgo (1763); il tentativo fallì, ma M. ottenne più tardi una parte dei proventi ricavati da La Valsainte (1778). M. sostenne inoltre il desiderio di Oddi di ottenere dalla Santa Sede l'erezione della chiesa collegiata di S. Nicola in cattedrale, ma anche in questa circostanza si scontrò con l'opposizione di Roma. Nel 1773 consacrò la collegiata di S. Orso a Soletta, dotando nel medesimo anno il collegio Saint-Michel di Friburgo di un nuovo regolamento, a seguito della soppressione dei gesuiti; nel 1777 promulgò i nuovi statuti del capitolo di S. Nicola. M. si impegnò a fianco del governo civile, all'interno del quale annoverava numerosi parenti, per il ripristino della disciplina ecclesiastica. Effettuò tre visite diocesane e per ognuna di esse pubblicò un dettagliato resoconto, in cui tra l'altro il clero veniva richiamato al suo dovere di visitare le scuole parrocchiali e di impedire la diffusione delle "cattive letture". Combatté le pratiche popolari legate al culto dei santi e rispose positivamente ai desideri del governo indirizzando una domanda a Roma per la riduzione dei giorni festivi (1780), due misure che infiammarono la "rivoluzione Chenaux" del 1781. M. condannò con severità la rivolta e, dopo la morte di Pierre-Nicolas Chenaux, le pratiche di venerazione religiosa di cui quest'ultimo era fatto oggetto. M. è ritenuto il rappresentante di un cattolicesimo illuminato e su posizioni moderate.

Riferimenti bibliografici

  • HS, I/4, 163-165
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ≈︎ 25.2.1709 ✝︎ 5.5.1782