de fr it

Jean-Baptiste deStrambino

17.11.1621 probabilmente a Strambino (diocesi di Ivrea), 29.6.1684 Les Hôpitaux (Franca Contea), catt. Figlio di Jean-Martin, conte di San Martino di Malgrà, e di una Suzanne. Entrato nell'ordine dei francescani osservanti, ne divenne in seguito procuratore. Candidato del duca di Savoia al seggio vescovile di Losanna, vacante dal 1658, nel 1662 fu nominato vescovo da papa Alessandro VII e consacrato a Roma. Nel 1663 prese possesso della diocesi stabilendosi a Friburgo. Fu il primo vescovo di Losanna dopo la Riforma che, salvo alcune interruzioni, adempì all'obbligo di residenza. Il suo mandato fu caratterizzato da conflitti con il governo friburghese, che intendeva continuare ad amministrare autonomamente gli affari ecclesiastici, e con il capitolo di S. Nicola che si considerava, con le parrocchie a esso incorporate, esente dalla giurisdizione vescovile. La mediazione del nunzio Federico Borromeo nel 1665 portò solo un appianamento temporaneo dei contrasti. Le costituzioni sinodali del 1665, che sancivano la divisione della diocesi in 15 decanati, furono espressione della volontà di S. di realizzare, senza compromessi, i decreti della Riforma tridentina. Nel 1682 tentò invano di creare, con sacerdoti provenienti da Saint-Sulpice a Parigi, un seminario diocesano. Durante le sue visite pastorali venne sorvegliato da un rappresentante del Consiglio di Friburgo. Dopo l'espulsione del suo segr. Michel Romanin, nel 1679-80 si trasferì a Soletta. Un tentativo di mediazione dell'ambasciatore franc. non ebbe successo. Nel 1682 S. ripiegò su Torino e nel 1684, su desiderio della curia romana, tentò il ritorno, ma le autorità di Friburgo gli vietarono l'ingresso nel loro territorio. In seguito visitò le parrocchie situate nella Franca Contea.

Riferimenti bibliografici

  • HS, I/4, 156-158
  • Gatz, Bischöfe 1648, 492 sg.
  • P. Braun, «Bischof Strambino im Streit mit dem St. Nikolausstift, 1663-1680», in Das Kapitel St. Nikolaus in Freiburg, a cura di J. Steinauer, H. von Gemmingen, 2010, 103-112
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 17.11.1621 ✝︎ 29.6.1684