de fr it

Giuseppa CaterinaTotti

ca. 1748, 22.6.1824, catt., di Biasca. Entrata nell'ordine benedettino (1772), fu badessa del monastero di S. Maria Assunta a Claro (1790-93, 1795-1803, 1809-24). Nel 1798, riconfermata in tale carica dalla curia milanese, desiderosa di evitare un'elezione data la difficile situazione politica, fu costretta dal Direttorio ad accettare un amministratore civile e a mandare a casa le novizie. Nel periodo tormentato della Repubblica elvetica e del passaggio di truppe franc. e russe, seppe dar prova di grande forza d'animo, opponendosi all'occupazione del monastero e contrastando le disposizioni del Direttorio. Stimata per la sua carità quale "madre dei poveri", non venne mai meno alle regole della vita monastica.

Riferimenti bibliografici

  • HS, III/1, 1704
  • L. Vaccaro et al. (a cura di), Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, 2003, 253 sg.
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ ca. 1748 ✝︎ 22.6.1824
Classificazione
Religione (cattolicesimo)

Suggerimento di citazione

Chiesi Ermotti, Francesca: "Totti, Giuseppa Caterina", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 22.02.2011. Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/026576/2011-02-22/, consultato il 19.01.2021.