de fr it

AugustinusDodo

Attestato dal 1490, nel 1502 di peste, di Sneek (Frisia). Bibliotecario nel capitolo cattedrale agostiniano di S. Leonardo a Basilea, fu collaboratore degli stampatori Johannes Amerbach e Michael Furter, succedendo a Johannes Heynlin. Per incarico di Amerbach ricercò e collazionò manoscritti in Europa per una Editio princeps di Agostino; visitò, fra altri, Johannes Trithemius e Jakob Wimpfeling. Come figura del protoumanesimo, D. fu uno dei pochi interlocutori della congregazione conservatrice di Windesheim (Devotio moderna), incaricata di riformare il capitolo di S. Leonardo. Il suo ritratto (xilografia) appare sul frontespizio di un'edizione di Agostino stampata nel 1494 da Amerbach.

Riferimenti bibliografici

  • B. von Scarpatetti, Die Kirche und das Augustiner-Chorherrenstift St. Leonhard in Basel, 1974, 323-330 (con bibl.)
Scheda informativa
Dati biografici Prima menzione 1490 ✝︎ nel 1502