de fr it

Sinodo 72

Il Sinodo 72 servì alla messa in pratica delle risoluzioni adottate dal Concilio Vaticano II a livello delle diocesi sviz. Deciso dalla Conferenza episcopale il 10.3.1969 e preparato da commissioni interdiocesane dopo una consultazione su scala nazionale con un'elevata partecipazione, il Sinodo si svolse dal 1972 al 1975 nelle singole diocesi e nell'abbazia di Saint-Maurice; le decisioni furono poi di nuovo raccolte a livello nazionale. I partecipanti (sacerdoti, religiosi, laici), grazie a una dispensa della Santa Sede del 22.9.1969, avevano tutti lo stesso diritto di parola e di voto. Durante i tre anni sinodali, i membri si riunirono fino a dieci volte in sessioni di lavoro della durata di diversi giorni. Il Sinodo 72 adottò risoluzioni in 12 ambiti riguardanti la fede e l'annuncio della fede, la liturgia e la cura delle anime, i rapporti con la Chiesa universale, lo Stato, la società e l'economia nonché questioni concernenti l'ecumenismo, la formazione e la giustizia sociale. La preghiera eucaristica del Sinodo venne integrata nel Messale Romano. Roma respinse tuttavia la maggior parte delle richieste dei vescovi, in particolare la petizione per la costituzione di un consiglio pastorale sviz. come organo consultivo interdiocesano per la Conferenza episcopale.

Riferimenti bibliografici

  • Die Synode zum Thema ..., 7 voll., 1975-1977
  • E. Hangartner-Everts, Synode 72, 1978
  • G. Bavaud, «L'experience du Synode 72», in Schweizer Katholizismus im Umbruch, 1945-1990, a cura di U. Altermatt, 1993, 307-323
  • F. X. Bischof, C. Dora, Ortskirche unterwegs, 1997, 209-217
Link

Suggerimento di citazione

Xaver Bischof, Franz: "Sinodo 72", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 03.12.2013(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027055/2013-12-03/, consultato il 11.05.2021.