de fr it

FredBoissonnas

18.6.1858 (François Frédéric) Ginevra, 17.10.1946 Ginevra, rif., di Ginevra. Figlio di Antoine-Henri (->). Fratello di Edmond-Victor (->). Augusta Magnin, figlia di un commerciante di combustibili. Avviato precocemente alla fotografia dal padre, perfezionò il suo apprendistato a Stoccarda e poi a Budapest. Fotografo molto dotato, succedette al padre nel 1887. Il suo laboratorio acquisì grande notorietà per i ritratti e per le fotografie di decori interni, oltre che per la qualità della stampa, in particolare degli inchiostri, della carta carbone e dei viraggi. Vincitore di numerosi premi intern., era già una celebrità quando venne designato come uno dei fotografi ufficiali dell'Esposizione nazionale di Ginevra del 1896; in quell'occasione realizzò numerosi servizi fotografici dedicati al Villaggio sviz. Aprì succursali a Reims, Marsiglia, Lione, Parigi e San Pietroburgo. La passione per l'alpinismo lo portò a fotografare con grande talento le Alpi sviz. Nel 1903 viaggiò in Grecia con Daniel Baud-Bovy, con il quale realizzò varie opere, in particolare En Grèce par monts et par vaux (1910). Filelleno appassionato, soggiornò più volte in Grecia e a Creta, Paesi che ispirarono numerose sue opere, tra le quali L'Acropole d'Athènes (1914), La Grèce immortelle (1919) e, con Victor Bérard, Dans le sillage d'Ulysse (1933). Dal 1920 si recò spesso in Egitto, in Nubia e in Sinai; nel 1932 pubblicò L'Egypte. Autore di una cinquantina di libri, fondò nel 1919 la casa editrice Boissonnas, che causò la sua rovina finanziaria. Nel 1920 venne rilevata con lo studio fotografico dal figlio Edmond-Edouard (->).

Riferimenti bibliografici

  • N. Bouvier, Boissonnas, 1983, 64-159
Link
Altri link
SIKART
fotoCH
Controllo di autorità
GND
VIAF