de fr it

AlphonseLaverrière

16.5.1872 Carouge (GE), 11.3.1954 Losanna, catt., cittadino franc. (originario della Savoia), dal 1912 di Carouge (GE). Figlio di Pierre, bottaio, e di Caroline Dacati. (1908) Adèle Jeannette Lithauer, cittadina statunitense. Frequentò le scuole di belle arti di Ginevra (1887-90) e di Parigi (dal 1892), conseguendo il diploma nel 1901. Fu poi attivo come architetto a Losanna, fino al 1915 in società con Eugène Monod. A Ginevra contribuì alla realizzazione del monumento intern. della Riforma (1908-17). Partecipò con successo a concorsi nazionali e intern., e progettò e costruì fra l'altro ville, banche, fabbriche e ponti. Si occupò pure di arredamento di interni e progettazione di mobili. A Losanna progettò e realizzò ad esempio la stazione centrale (1908-16, in collaborazione con Eugène Monod, Jean Taillens e Charles Dubois), il cimitero del Bois-de-Vaux (primo premio al concorso nel 1919, terminato nel 1951), l'edificio polivalente Bel-Air Metropole (1929-32) e il giardino botanico (1937-46). Negli anni 1917-26 lavorò inoltre per la fabbrica di orologi Zenith, della quale diresse il laboratorio artistico (1918-26). Professore di teoria dell'architettura al Politecnico fed. di Zurigo (1929-42), ebbe un ruolo importante nella creazione della scuola di architettura del Politecnico fed. di Losanna. Fu membro fondatore dell'ass. L'Œuvre (1913), editrice dell'omonima rivista, e fece parte della Soc. sviz. degli ingegneri e architetti e della Federazione architetti sviz. Nel 1953 fu insignito del dottorato h.c. dell'Univ. di Losanna.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso ACM
  • Architektenlex., 337
  • A. Laverrière, cat. mostra Losanna, 1999
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 16.5.1872 ✝︎ 11.3.1954