de fr it

FelixSchwarz

26.4.1917 Bremgarten (AG), 22.1.2013 Zurigo, di Uesslingen-Buch. Figlio di Felix Schwarz e di Maria nata Buchmann. 1) (1944) Lotte Benett, bibliotecaria e scrittrice, della Germania; 2) (1974) Marianne Brigitte Dietz, figlia di Johann Peter Jakob e di Antonie Dietz. Conseguì il diploma di architetto al Politecnico federale di Zurigo con Hans Hofmann (1944), prese parte a diversi concorsi con Aldo van Eyck (1944-1948) e nel 1956 aprì un nuovo studio con Rolf Gutmann. Insegnò presso la scuola di architettura dell'Università di Ginevra (1969-1971) e al Politecnico federale di Zurigo (1971-1972). La sua opera principale è la nuova costruzione del teatro di Basilea (1969-1975). Fu membro della Federazione architetti svizzeri, dei Congrès internationaux d'architecture moderne, dell'Organisation internationale des scénographes, techniciens et architectes de théâtre e della Società svizzera degli ingegneri e degli architetti (SIA).

Riferimenti bibliografici

  • Schwarz, Felix; Gutmann, Rolf; Gloor, Frank: Reise in die Vergangenheit, 1964.
  • Rucki, Isabelle; Huber, Dorothee: Architektenlexikon der Schweiz. 19./20. Jahrhundert, pp. 487-488.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 26.4.1917 ✝︎ 22.1.2013

Suggerimento di citazione

Thomas Freivogel: "Schwarz, Felix", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 08.03.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027421/2021-03-08/, consultato il 09.08.2022.