de fr it

AndréPerraudin

7.10.1914 Bagnes, 25.4.2003 Sierre, catt., di Bagnes. Figlio di Louis e di Angeline Bruchez, piccoli contadini. Fu allievo a Saint-Maurice, Altkirch (Alsazia) e Tournus (Borgogna), entrò nella Soc. dei missionari d'Africa (Padri Bianchi) e seguì una formazione filosofico-teol. a Kerlois (Bretagna), Maison-Carrée (oggi El Harrach, Algeria), Thibar e Cartagine (entrambe in Tunisia). Ordinato sacerdote (1939), nel 1941 fondò la casa dello studente Africanum a Friburgo, che diresse fino al 1947, quando fu inviato nel Ruanda-Urundi, allora sotto mandato belga. Fu dapprima insegnante nel seminario di Nyakibanda e vicario apostolico di Kabgayi; dal 1959, dopo la costituzione di una gerarchia africana autonoma, divenne arcivescovo e metropolita. Nel 1968 la sede arcivescovile venne trasferita da Kabgayi a Kigali; nel 1976 diede le dimissioni quale metropolita restando in carica come vescovo a Kabgayi fino al 1989, quando tornò nel Vallese. P. fondò numerose parrocchie, dotandole di chiese, scuole, dispensari, ospedali, ecc. Nel contesto di un Paese ampiamente cristianizzato secondo il cattolicesimo si impegnò per ridurre la disuguaglianza sociale tra la minoranza di dignitari feudali Tutsi e la maggioranza degli Hutu. A causa in particolare della sua lettera pastorale sull'amore cristiano e le sue conseguenze sociali (1959), P. venne in seguito considerato un partigiano degli Hutu e un istigatore della guerra civile, degenerata poi in genocidio (1990-94).

Riferimenti bibliografici

  • Un évêque au Rwanda, 2003
  • A. Fusaschi, Hutu-Tutsi, 129
  • Le fait missionnaire, 13, 2003, 147 sg.
  • Petit Echo, (boll. interno dei Padri Bianchi), 2004, n. 3, 167-173
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 7.10.1914 ✝︎ 25.4.2003
Classificazione
Religione (cattolicesimo)