de fr it

Commissariamento dei comuni

Per commissariamento dei com. si intende la tutela effettiva o l'amministrazione controllata di un Comune. Sebbene siano enti territoriali autonomi, infatti, i com. sono sottoposti alle autorità cant. o distr. come prima istanza di sorveglianza. In caso di evidente cattiva amministrazione o di ripetuta inadempienza di incarichi com., il diritto cant. prevede di norma che l'amministrazione possa essere trasferita del tutto o in parte a un'autorità cant. Questa misura, che sospende l'autonomia com. tutelata dalla Costituzione (art. 50, cpv. 1, Costituzione fed. del 1999), viene adottata in alcuni cant. dal parlamento, in altri dal governo.

Il commissariamento è strettamente legato alla nascita del com. moderno nella prima metà del XIX sec. ed è documentato dalle leggi cant. sui com. già prima del 1850. Raramente, tuttavia, si è ricorsi a questa possibilità: ad esempio nel com. di Turbenthal (1888), che si era rifiutato di rispettare i propri impegni finanziari con la ferrovia della valle della Töss in pericolo di liquidazione; oppure nel com. di Humlikon nel 1963, quando tutti i membri del municipio e della commissione della scuola primaria morirono in un incidente aereo. L'esempio più recente è quello del com. di Leukerbad che nel 1998, a seguito della sua gestione finanziaria e del massiccio indebitamento, è stato sottoposto ad amministrazione controllata. Accanto al commissariamento, esistono altre possibilità, più limitate, di sorveglianza sui com.: le ispezioni, gli obblighi di rendiconto e di informazione dei com. e le partecipazioni degli esponenti cant. alle riunioni delle autorità com., l'autorizzazione obbligatoria del cant. per determinati decreti, le direttive di carattere generale e l'abolizione, d'ufficio o su indicazione di un'autorità di sorveglianza, di atti di competenza com. Il cant. inoltre, in determinate occasioni, ad esempio nella determinazione del moltiplicatore d'imposta, può disporre un'esecuzione sostitutiva a spese del com.

Riferimenti bibliografici

  • U. Häfelin, G. Müller, Grundriss des Allgemeinen Verwaltungsrechts, 19932, 269