de fr it

Mina

La mina (ted. Immi, Immli, Immerli; franc. émine) è un'antica misura di capacità per i cereali, in generale compresa tra 1 e 3,5 l, impiegata anche per le tasse dovute alle autorità sul commercio pubblico del grano e come base per retribuire i mugnai (da 1 a 2 mine per ogni moggio di cereali da macinare). Nella Svizzera ted. la Immi corrispondeva a 1,1-3,5 l, pari a quasi un 1/10 dello Staio locale, a 1/4 del Mäss bernese (3,3-3,5 l), o a 1/16 del piccolo Sester basilese (1,1 l). Nella Svizzera franc. l'émine equivaleva a 1,3-3 l, cioè 1/6-1/8 del quarteron (Vaud), 1/8 del quart (Ginevra) o 1/10 del Fischel (Vallese). A Neuchâtel, l'émine era un'unità di misura commerciale pari a 15-16 l, mentre nella Svizzera it. la mina corrispondeva a 1/2 staio, cioè a 8,5-10 l. I termini it. e franc. derivano dal lat. hemina, una piccola unità di misura per cereali diffusa in epoca romana (0,27 l). L'émine vodese venne fissata a 1,35 l nel 1822; la Immi a 1,5 l nel sistema sviz. dei pesi e delle misure adottato nel 1838. La mina fu soppressa con l'introduzione del sistema metrico decimale nel 1877 (Pesi e misure).