de fr it

Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI)

L'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (Ompi) ebbe origine dalle convenzioni di Parigi per la protezione della proprietà industriale (1883) rispettivamente di Berna per la protezione delle opere letterarie e artistiche (1886), alla cui elaborazione la Svizzera contribuì in misura determinante (proprietà intellettuale). Nel 1893 le istituzioni legate alle due convenzioni furono unite a Berna negli Uffici internazionali riuniti per la protezione della proprietà intellettuale. Nel 1960 questi ultimi furono trasferiti a Ginevra e nel 1970, tramite la relativa convenzione internazionale (1967), rinominati Ompi, dal 1974 agenzia specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU). Nel 1996 la collaborazione con l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) portò a un'intensificazione dell'attività dell'Ompi, che nel 2008 contava 184 Stati membri (193 nel 2020).

Riferimenti bibliografici

  • Bureau international de la propriété intellectuelle (a cura di): La convention de Berne pour la protection des œuvres littéraires et artistiques de 1886 à 1986, 1986.
Link
Scheda informativa
Variante/i
OMPI
Contesto Uffici internazionali riuniti per la protezione della proprietà intellettuale

Suggerimento di citazione

Herren, Madeleine: "Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI)", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 25.01.2021(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027490/2021-01-25/, consultato il 06.03.2021.