de fr it

Charnaux

Veduta stereoscopica di Einsiedeln, 1886 ca. (Bibliothèque de Genève, Archives A. & G. Zimmermann).
Veduta stereoscopica di Einsiedeln, 1886 ca. (Bibliothèque de Genève, Archives A. & G. Zimmermann).

Fam. ginevrina di fotografi ed editori. I fratelli Charles (1852-1937), Auguste (1862-1930) e Georges (1864-1939), insieme alla sorella Marie Marcinhes-C. (1854-1932), figli di Florentin (1819-1883) e di Jeanne Vogt, rilevarono nel 1881 il laboratorio paterno (Charnaux & Simond) situato nella piazza Bel-Air a Ginevra; nel 1880 ca., il crescente interesse locale e del turismo per le riproduzioni fotografiche di paesaggi alpestri e lacustri o di monumenti storici permise loro di estendere l'attività al campo editoriale. Georges, fotografo, si occupò essenzialmente delle immagini, realizzando stampe originali su carta albuminosa, lavori di fototipia e cartoline illustrate che resero famosa la ditta; nel 1886 realizzò vedute stereoscopiche del Monte Bianco e delle principali località turistiche alpine. I fratelli C. eseguirono servizi sui maggiori avvenimenti della fine del XIX sec., come l'Esposizione nazionale sviz. di Ginevra del 1896.

Riferimenti bibliografici

  • Photographie in der Schweiz von 1840 bis heute, 1992, 318 sg.
Link
Altri link
fotoCH

Suggerimento di citazione

Girardin, Daniel: "Charnaux", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 11.11.2003(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027563/2003-11-11/, consultato il 25.09.2021.