de fr it

GiulioBarni

1886 Firenze, settembre 1915, sul fronte del Carso. Sindacalista rivoluzionario, dal 1910 al 1911 fu segr. della Camera del lavoro e redattore del giornale socialista di Trento, allora in territorio austriaco. Rientrato in Italia, nel maggio del 1911 si rifugiò nel Ticino per sfuggire a una condanna per reati politici. Con Guglielmo Canevascini fu amministratore e redattore dell'organo di stampa dei socialisti ticinesi L'Aurora (1912) e cofondatore e redattore del settimanale Libera Stampa (1913). Collaborò inoltre ai fogli Pagine Libere e La Rivolta (1913). Espulso dal Ticino nel giugno del 1913, lavorò a Milano nello studio di Angelo Oliviero Olivetti, che era stato a sua volta espulso dalla Svizzera. Nel 1915 si arruolò volontario nell'esercito it.

Riferimenti bibliografici

  • in collaborazione con G. Canevascini, L'industria del granito e lo sviluppo economico del Cantone Ticino, 1913
  • G. Canevascini, Autobiografia, a cura di AA. VV., 1986
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 1886 ✝︎ settembre 1915

Suggerimento di citazione

Vuilleumier, Marc: "Barni, Giulio", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 26.02.2002(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027593/2002-02-26/, consultato il 05.03.2021.