de fr it

Avena

Pianta coltivata (lat. Avena sativa) di origine secondaria, cioè presumibilmente selezionata a partire da erbe infestanti i campi di cereali in varie zone dell'Europa e nelle regioni a clima temperato dell'Asia. In Svizzera è l'unico cereale (Cerealicoltura) di una certa dimensione le cui cariossidi vengono raccolte non in spighe ma in vere pannocchie. Le glumette aderiscono alla cariosside e per l'alimentazione umana vanno rimosse con macine speciali. Nell'Europa centrale l'avena non è usata per la panificazione ma consumata sotto forma di pappa e di fiocchi. Pianta ad alto valore nutritivo, poiché contiene ad esempio una quantità maggiore di aminoacidi indispensabili rispetto ad altri cereali, l'avena si adatta a terreni difficili, ma è sensibile al gelo e nel nostro clima viene perciò coltivata nella stagione estiva. Dall'età del Bronzo compare regolarmente in Svizzera e in Europa, ma soltanto sotto forma di avena selvatica; per le prime testimonianze sicure di coltivazioni bisogna attendere l'età del Ferro (Campicoltura); in Svizzera sono state rinvenute scorte alimentari di epoca romana. Quantità talora notevoli sono documentabili nei sec. centrali del ME. Nel sistema dell' Avvicendamento delle colture l'avena era il cereale estivo più diffuso nell'Altopiano e nella Svizzera nordoccidentale; in base alle fonti archeobotaniche e scritte, è difficile valutare se e in che misura fosse usata anche come foraggio equino in epoca romana e durante il ME.

Riferimenti bibliografici

  • U. Körber-Grohne, Nutzpflanzen in Deutschland, 1987
  • AA. VV., «The history of cereals in the region of the former Duchy of Swabia from the Roman to the Post-medieval period», in Vegetation History and Archaeobotany, 1, 1992, 193-231
  • D. Zohary, M. Hopf, Domestication of Plants in the Old World, 1994 (20003)
  • S. Jacomet, S. Karg, «Ackerbau und Umwelt der Seeufersiedlungen von Zug-Sumpf und ihre Bedeutung im Rahmen der mitteleuropäischen Spätbronzezeit. Ergebnisse archäobotanischer Untersuchungen», in Zug-Sumpf, 1, 1996, 199-303