de fr it

LucienneFlorentin

19.7.1872 (Catherine Florentine Lucienne Chasteau) Tulle (Limousin), 9.6.1942 Ginevra, catt., cittadina franc. e poi sviz. in seguito al matrimonio. Figlia di Emile Joseph François Chasteau e di Marie Louise Saigne. Armand Cacheux, pittore, da cui divorziò negli anni 1920-30. Critica d'arte del giornale La Suisse dal 1909 al 1941, recensì esposizioni realizzate a Ginevra, in Svizzera e talvolta a Parigi. Figura influente del mondo artistico ginevrino, temuta per i suoi articoli incisivi, venne sospettata di parzialità da alcuni artisti, tra cui Albert Trachsel, dopo essere stata assunta come consulente artistica da Max Moos, principale gallerista di Ginevra. Contribuì alla professionalizzazione della critica d'arte nella Svizzera franc., affermando le sue preferenze per l'arte "lat." piuttosto che "germ.", classica piuttosto che modernista. Dedicò monografie a François Barraud, Paul-Théophile Robert, Léopold Robert e al giapponese Takanori Oguiss. Fu insignita del titolo di cavaliere della Legion d'onore.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso Biblioteca d'arte e di archeologia, Ginevra
  • S. Pallini, «L. Florentin ou les ambivalences d'une critique d'art en Suisse romande», in Histoire de l'art, 44, giugno 1999, 11-19
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Variante/i
Catherine Florentine Lucienne Chasteau (nome alla nascita)
Dati biografici ∗︎ 19.7.1872 ✝︎ 9.6.1942