de fr it

MathiasMorhardt

15.5.1863 Plainpalais (oggi com. Ginevra), 9.4.1939 Capbreton (Aquitania), di Ginevra, dal 1888 cittadino franc. Figlio di Jean-François-Emile, orologiaio, e di Kitty Döhner. Frequentò il collegio Calvino a Ginevra (1875-80) e nel 1883 si stabilì a Parigi. Giornalista, scrittore, critico d'arte e dal 1888 redattore del giornale Le Temps, M. pubblicò articoli anche nella stampa della regione del lago di Ginevra. Sostenne gli artisti sviz. a Parigi, tra cui Ferdinand Hodler e Félix Vallotton, e promosse il modernismo franc. a Ginevra, in particolare attraverso le esposizioni di Pierre Puvis de Chavannes, Eugène Carrière e Auguste Rodin al Museo Rath nel 1896. Per il medesimo museo svolse il ruolo di intermediario nell'acquisto delle statue di Rodin (1897). Repubblicano e strenuo difensore di Alfred Dreyfus, nel 1898 fu membro fondatore della Lega dei diritti dell'uomo.

Riferimenti bibliografici

  • Fondo presso BGE
  • P. Junod, P. Kaenel (a cura di), Critiques d'art de Suisse romande, 1993, 219-256
Link
Controllo di autorità
GND
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 15.5.1863 ✝︎ 9.4.1939

Suggerimento di citazione

Langer, Laurent: "Morhardt, Mathias", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 07.01.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/027750/2009-01-07/, consultato il 30.11.2020.