de fr it

Storia delle donne

In Svizzera, lo studio della storia in una prospettiva di genere si affermò dagli anni 1970-90. L'importanza accordata alla Storia politica - ma anche alla Storia economica e alla Storia sociale, che hanno privilegiato un approccio macrostorico e l'analisi delle congiunture e delle strutture - ha contribuito per lungo tempo a relegare le donne in secondo piano. Dato che il loro ruolo nella società suscitava comunque molteplici interrogativi, esse non furono tuttavia del tutto ignorate dalle ricerche condotte nella seconda metà del XIX sec. e nel periodo tra le due guerre. Diversi studiosi di entrambi i sessi assunsero un ruolo di precursori, fornendo notevoli contributi relativi ai diritti civili e politici delle donne (Louis Bridel, Carl Hilty) e alla loro posizione nella società e nel mondo del lavoro (Margaritha Schwarz-Gagg, Emma Steiger).

Dagli anni 1970-80 la storia delle donne ha seguito varie strade. Se in una prima fase la riflessione si focalizzò sul problema dell'esistenza o meno di una storia specifica delle donne e sulla metodologia e le fonti, successivamente l'attenzione si indirizzò verso gli studi di genere (dall'inglese gender), ossia verso l'organizzazione sociale della relazione tra i sessi, ciò che favorì un notevole ampliamento del campo di indagine.

I primi studi sulla storia delle donne in Svizzera furono promossi alla fine degli anni 1970-80 soprattutto nell'ambito della ricerca univ. I risultati furono in seguito divulgati in occasione di convegni scientifici, il primo dei quali si svolse a Berna nel 1983. Da allora a intervalli regolari (ogni due-tre anni) si svolgono giornate di studio che coinvolgono le ricercatrici del settore; riviste specializzate, nate negli anni 1990-2000 in Francia, Austria, Gran Bretagna e, successivamente, in Germania ospitano regolarmente contributi sviz. Da diversi anni la Rivista storica svizzera e Traverse danno spazio agli studi di genere. Nel 1996 la Soc. sviz. di storia dedicò per la prima volta la sua giornata annuale alla storia delle donne e di genere ("Le donne e lo Stato"). Numerose ricerche storiche sono state finanziate nel quadro del programma nazionale di ricerca 35 ("Donne, diritto e società - vie verso l'uguaglianza"; 1993-96). L'organizzazione di corsi specifici sui rapporti sociali tra i sessi ebbe inizio alla metà degli anni 1990-2000: l'unità interdisciplinare di studi di genere dell'Univ. di Ginevra fu istituita nel 1995, il centro per gli studi di genere dell'Univ. di Basilea nel 2001. Nel 2005 l'offerta didattica degli altri atenei sviz. includeva sistematicamente temi legati alla storia di genere. Non va infine dimenticata la costituzione, avvenuta già nel 1982, della Fondazione Gosteli (Worblaufen), i cui archivi forniscono un contributo prezioso alla storia del Movimento femminista.

Negli anni più recenti sia i temi sia gli approcci si sono diversificati, avvicinando la storia delle donne e di genere alle altre discipline storiche: sono stati tra l'altro trattati aspetti quali lo status giur., l'educazione, il lavoro, la sessualità, la rappresentazione del maschile e del femminile e, naturalmente, il movimento femminista e le sue innumerevoli lotte per la parità tra uomo e donna. Sotto l'influenza in particolare del costruttivismo sociale e della svolta linguistica (linguistic turn, importanza metodologica dell'analisi del discorso), l'attenzione si è spostata dalla condizione femminile alla costruzione della femminilità e della mascolinità come categorie sociali e culturali.

Riferimenti bibliografici

  • A. M. Käppeli, «De l'histoire des femmes à l'histoire des genres», in Féminin-masculin, 1990, 43-66
  • B. Studer, «"Le genre de l'histoire": histoire des femmes et historiographie suisse récente», in Bulletin du Département d'histoire économique/Université de Genève, 21, 1990/1991, 27-39
  • R. Wecker, «Frauengeschichte - Geschlechtergeschichte», in RSS, 41, 1991, 308-319 (con bibl.)
  • C. Bosshart-Pfluger, «Frauengeschichtsschreibung zwischen Tradition und Emanzipation?», in ZSK, 90, 1996, 183-194
  • B. Studer, «Genre, travail et histoire ouvrière», in Sozialgeschichte und Arbeiterbewegung, a cura di B. Studer, F. Vallotton, 1997, 63-88 (con bibl.)
  • Traverse, 2000, n. 1
  • T.-H. Ballmer-Cao, Changement social et rapports entre hommes et femmes, 2000 (con bibl. ed elenco delle pubbl. del PNR 35)