de fr it

HansSchumacher

2.3.1910 Zurigo, 20.3.1993 Zurigo, di Zurigo. Figlio di Johannes, capotreno, e di Emilie Schneeberger. (1945) Frida Habegger. Studiò germanistica all'Univ. di Zurigo, conseguendo il dottorato nel 1941. Giornalista indipendente per il Volksrecht e la NZZ, fu caporedattore della rivista libraria Domino, collaboratore radiofonico e docente all'Univ. popolare. Le sue raccolte liriche, fra cui Brunnen der Zeit (1941) e Meridiane (1959), lo consacrarono come uno dei maggiori poeti svizzeroted. del dopoguerra. Narratore, si distinse in particolare con i suoi ricordi del servizio attivo (Rost und Grünspan, 1964) e con il romanzo Harder und Harder (1984). Autore di una tesi sull'architettura del romanzo Enrico il Verde di Gottfried Keller, curò anche la pubblicazione di raccolte di testi di Keller, Theodor Storm e Adalbert Stifter e di antologie letterarie. Fu tra l'altro insignito del premio letterario della città di Zurigo (1982).

Riferimenti bibliografici

  • Kosch, Deutsches Literatur-Lex., 16, 630 sg.
  • E. Wilhelm, «H. Schumacher», in Die durchlässige Zeit, 1990, 185-208 (con bibl.)
  • NZZ, 24.3.1993
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 2.3.1910 ✝︎ 20.3.1993

Suggerimento di citazione

Furger, Carmen: "Schumacher, Hans", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 21.11.2012(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/028285/2012-11-21/, consultato il 21.10.2020.