de fr it

BoleslawLimanowski

18.10.1835 Podgórze (Livonia polacca, oggi distr. di Daugavpils, Lettonia), 1.2.1935 Varsavia, cittadino polacco. 1) Vicentine Szarska; 2) Maria Goniewska. Studiò medicina e filosofia a Mosca e Dorpat (oggi Tartu, Estonia). Tra i promotori dell'insurrezione polacca del 1863, fu arrestato e deportato ad Archangelsk (Russia). Amnistiato nel 1867, si trasferì a Leopoli (oggi Lviv, Ucraina), dove conseguì il dottorato in filosofia nel 1875. Quale socialista impegnato fu costretto all'esilio. Si stabilì a Ginevra, dove fondò una tipografia polacca, fu coeditore della rivista socialista Równość ("uguaglianza") e nel 1880 costituì il gruppo indipendentista Lud Polski ("il popolo polacco"). Fu delegato al congresso intern. socialista di Coira del 1881. Dal 1885 visse a Thun, dove fu titolare di uno studio fotografico, e dal 1887 a Zurigo. Nel 1892 presiedette a Parigi il congresso che portò alla costituzione del partito socialista polacco. Dopo il 1918 si stabilì a Varsavia e divenne senatore. Fu autore di numerosi studi sulla storia dei movimenti sociali in Polonia nel XVIII e XIX sec.

Riferimenti bibliografici

  • M. Sliwa, B. Limanowski, 1998
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 18.10.1835 ✝︎ 1.2.1935

Suggerimento di citazione

Florkowska-Frančić, Halina: "Limanowski, Boleslaw", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 14.04.2016(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/028443/2016-04-14/, consultato il 23.06.2021.