de fr it

Ernst vonWeizsäcker

25.5.1882 Stoccarda, 4.8.1951 Lindau (Baviera), evangelico, cittadino ted. Figlio di Karl Hugo, primo ministro del regno del Württemberg (dal 1906) e barone (1916), e di Paula von Meibom. (1911) Marianne von Graevenitz. Fu ufficiale di marina (1900-19). Intrapresa la carriera diplomatica (1920), fu viceconsole (1921) e console (1922) a Basilea, consigliere d'ambasciata a Copenaghen (1924), membro della delegazione ted. durante i negoziati sul disarmo a Ginevra (1927), capo della sezione speciale (Sonderreferat) per le questioni riguardanti la Soc. delle Nazioni (1928) e ambasciatore a Oslo (1931) e Berna (1933-37). Attivo presso il ministero degli affari esteri a Berlino (dal 1937), fu segr. di Stato (1938) e ambasciatore presso la Santa Sede (1943-45). Tornato a Lindau (1946), venne arrestato dagli Americani (1947). Nel 1949 fu condannato a sette anni di reclusione per crimini contro l'umanità durante il processo della Wilhelmstrasse a Norimberga; ottenne una riduzione della pena a cinque anni (1949) e beneficiò di una scarcerazione anticipata (1950). Il suo ruolo nelle relazioni fra Svizzera e Germania è controverso. Dopo la guerra W. pretese, in quanto amico della Svizzera, di aver contribuito a preservare l'integrità di quest'ultima, affermazione impossibile da verificare. Diplomatico di origini aristocratiche, favorevole a una grande Germania, membro del partito nazionalsocialista e, dal 1938, ufficiale delle SS (Oberführer), sostenne sempre gli interessi dello Stato nazionalsocialista e si oppose al parlamentarismo, alla democrazia e alla Soc. delle Nazioni. Pretese dal Consiglio fed., con scarso successo, un controllo rigoroso della stampa e una neutralità assoluta; lottò contro l'influenza degli Alleati in Svizzera, spec. della Francia.

Riferimenti bibliografici

  • DDS, 11-14
  • S. Schwarz, E. Freiherr von Weizsäckers Beziehungen zur Schweiz (1933-1945), 2007
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 25.5.1882 ✝︎ 4.8.1951