de fr it

Jean-Charles Galissard deMarignac

24.4.1817 Ginevra, 15.4.1894 Ginevra, rif., di Ginevra. Figlio di Jacob, giudice e Consigliere di Stato, e di Suzanne Le Royer. (1845) Marie Dominicé, figlia di Denis, possidente. Dopo l'Acc. di Ginevra (1833-35), frequentò la scuola politecnica e l'Ecole des mines di Parigi (1835-39). In occasione di una missione in Scandinavia e in Germania, fece la conoscenza di Jöns Jacob Berzelius e di Justus von Liebig. Per sei mesi ricoprì funzioni direttive alla manifattura di porcellana di Sèvres, poi divenne professore di chimica (1841) e mineralogia (1845) a Ginevra. M. determinò il peso atomico di 28 elementi. Si interessò anche all'isomorfismo, grazie al quale poté rettificare la formula della silice. Dopo il pensionamento (1878), scoprì due elementi nuovi, l'itterbio (1878) e il gadolinio (1880). Fu membro attivo oppure onorario di numerose soc. scientifiche e Acc. Nel 1886 gli fu conferita la medaglia Davy della Royal Society.

Riferimenti bibliografici

  • Œuvres complètes, 2 voll., 1902-1903
  • Fondo presso BGE
  • E. Ador, «J.-C. Galissard de Marignac», in Archives des sciences physiques et naturelles, 32, 1894, 5-61, 183-215 (con elenco delle op.)
  • Livre du Recteur, 3, 386 sg.
  • DSB, 9, 109-111
  • J. Trembley (a cura di), Les savants genevois dans l'Europe intellectuelle, 1987, 180-192
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 24.4.1817 ✝︎ 15.4.1894

Suggerimento di citazione

Buchs, Armand: "Marignac, Jean-Charles Galissard de", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 08.12.2009(traduzione dal francese). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/028878/2009-12-08/, consultato il 24.11.2020.