de fr it

HeinrichSuter

4.1.1848 Hedingen, 17.3.1922 Dornach, rif., di Hedingen. Figlio di Johann Heinrich, buralista postale, e di Verena Schmied. (1875) Hermina Müller nata Frauenfelder, figlia di Johannes. Dopo la scuola industriale a Zurigo (1863), studiò matematica a Zurigo e Berlino (1866-70), conseguendo il dottorato con Rudolf Wolf all'Univ. di Zurigo con una tesi sulla storia della matematica (1871). Fu supplente nella scuola magistrale di Wettingen e nei licei di Sciaffusa e San Gallo e docente di matematica e fisica nelle scuole cant. di Aarau (1876-86) e Zurigo (1886-1918). A 40 anni imparò l'arabo e, accanto all'insegnamento, studiò la storia della matematica e dell'astronomia nella cultura islamica. Autore della traduzione dell'elenco di matematici contenuto nel Fihrist di Ibn an-Nadīm (1892), nel 1900 pubblicò la sua opera principale, a carattere bio-bibliografico, Die Mathematiker und Astronomen der Araber und ihre Werke (ristampe nel 1972, 1981 e 1986). Nel 1914 portò a termine, per conto dell'Acc. reale danese delle scienze, l'edizione delle tavole astronomiche di al-Khwārizmī iniziata da Axel Björnbo, deceduto nel 1911. Pubblicò inoltre una cinquantina di trattati, perlopiù brevi. Fu insignito del dottorato h.c. dell'Univ. di Zurigo (1921).

Riferimenti bibliografici

  • Beiträge zur Geschichte der Mathematik und Astronomie im Islam, a cura di F. Sezgin, 2 voll., 1986 (rist. degli scritti 1892-1922)
  • Vierteljahrsschrift der Naturforschenden Gesellschaft in Zürich, 67, 1922, 407-413 (con elenco delle op.)
  • Isis, 5, 1923, 409-417 (con elenco delle op.)
  • J. Sesiano, «Suter, H.», in Writing the History of Mathematics, a cura di J. W. Dauben, C. J. Scriba, 2002, 533 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF

Suggerimento di citazione

Neuenschwander, Erwin: "Suter, Heinrich", in: Dizionario storico della Svizzera (DSS), versione del 28.12.2011(traduzione dal tedesco). Online: https://hls-dhs-dss.ch/it/articles/028960/2011-12-28/, consultato il 19.06.2021.