de fr it

Heinrich vonGeymüller

12.5.1839 Vienna, 19.12.1909 Baden-Baden, rif., di Basilea. Figlio di Johann Heinrich Falkner (a sua volta figlio adottivo del barone Heinrich von G.) e di Eleonora Eliza Griesbach. Marguerite Delaborde. Frequentò la scuola d'ingegneria di Losanna (1855-57), la scuola centrale delle arti e delle manifatture a Parigi (1857-60, diploma di ingegnere costruttore), l'Acc. di architettura di Berlino (1860-63) e la scuola di belle arti di Parigi (dal 1864, atelier Questel). Fu storico dell'arte rinascimentale, storico dell'architettura e teorico del restauro monumentale. In materia di restauro, preconizzò il massimo rispetto per il monumento e interventi basati su un'approfondita ricerca storica. Criticò (dal 1873) le proposte inerenti il restauro della cattedrale di Losanna formulate da Eugène Emmanuel Viollet-le-Duc e partecipò a importanti progetti di riabilitazione architettonica all'estero e nel cant. Vaud, in particolare a Losanna (cattedrale, 1873-1909, castello d'Ouchy, 1886; chiesa di S. Francesco, 1888-99), nel castello di Chillon (1888-98) e nell'antica chiesa conventuale di Saint-Sulpice (1888-1903). Dal 1879 risiedette frequentemente a Pully. Fu membro onorario dell'Ist. reale degli architetti britannici di Londra e socio corrispondente dell'Acc. di belle arti a Parigi e dell'Ist. di Francia. Nel 1894 fu insignito del dottorato h.c. dall'Univ. di Basilea.

Riferimenti bibliografici

  • Fondi presso Ist. di storia dell'arte, Graz, UBB, StABS e BCUL
  • Architektenlex., 212
  • J. Ploder, H. von Geymüller und die Architekturzeichnung, 1998
  • G. Germann, «Henry de Geymüller, un expert polyglotte et cosmopolite», in Victor Hugo et le débat patrimonial, 2003, 103-120
  • G. Germann, «Heinrich von Geymüller als Bauforscher und Denkmalpflege- Experte in der Schweiz und am Oberrhein, 1860-1890», in RSAA, 64, 2007, 83-105
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF