de fr it

Luigi XI

3.7.1423 Bourges, 31.8.1483 Plessis-du-Parc presso Tours. Figlio di Carlo VII, re di Francia, e di Maria d'Angiò. 1) (1436) Margherita di Scozia, figlia di Giacomo I, re di Scozia; 2) (1451) Carlotta di Savoia, figlia di Luigi, duca di Savoia. Quale delfino, guidò la banda mercenaria dei cosiddetti Armagnacchi, che durante la Vecchia guerra di Zurigo si batterono contro i Conf. per conto dell'imperatore Federico III. Impressionato dal valore di questi ultimi, dopo la battaglia di San Giacomo sulla Birsa concluse di propria iniziativa la pace di Ensisheim (28.10.1444). Incoronato re nel 1461, l'anno seguente, su consiglio del cognato Amedeo IX di Savoia, proibì ai suoi sudditi di visitare le fiere di Ginevra, che persero così importanza a favore di quelle di Lione. I tentativi dei Conf. di fare annullare tale decreto furono vani. Nel 1464 L. rinnovò il trattato di amicizia con la Conf., siglato dal padre nel 1453. Grazie al suo intervento fu conclusa la Pace perpetua tra la Svizzera e l'Austria, sottoscritta definitivamente l'11.6.1474 a Senlis. Il 25 ottobre la Dieta fed. di Lucerna dichiarò guerra a Carlo il Temerario e il giorno seguente concluse con L. un'alleanza militare contro il duca di Borgogna; agli accordi negoziati nell'estate aggiunse però una clausola che il re di Francia accolse solo dopo una nuova modifica. Fino al XVII sec. i successivi accordi con la corona franc. fecero riferimento a questo documento. In seguito al mancato sostegno elvetico alla sua offensiva contro la Borgogna all'inizio dell'estate, il 13.9.1475 L. firmò a Soleuvre (Lussemburgo) un accordo di pace con la Borgogna, abbandonando così i Conf. di fronte all'imminente guerra con quest'ultima (guerre di Borgogna). Alla morte di Carlo il Temerario confiscò il feudo reale di Borgogna e rivendicò la Franca Contea, possedimento imperiale cui ambivano anche i Conf. e spec. i Bernesi. Nel settembre del 1479 in cambio di 150'000 fiorini gli Svizzeri rinunciarono alle loro pretese su questo territorio, che con la pace di Senlis del 1493 fu poi attribuito alla casa d'Asburgo.

Riferimenti bibliografici

  • P. M. Kendall, Louis XI, 1971
  • J. Heers, Louis XI, 1999
  • J. Favier, Louis XI, 2001
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 3.7.1423 ✝︎ 31.8.1483