de fr it

FritzGysin

12.10.1895 Basilea, 30.3.1984 Zumikon, rif., di Basilea. Figlio di Franz, direttore della J. R. Geigy SA a Basilea, e di Marguerite Savary. (1932) Berta Lauber, figlia di Johann, di Marbach (LU). Studiò storia dell'arte a Basilea, Parigi e Zurigo. Dal 1928 al 1936 fu conservatore al Museo storico di Basilea. Dal 1937 al 1960 diresse il Museo nazionale sviz., distinguendosi in vari ambiti: proseguì la ristrutturazione degli edifici museali e degli ambienti espositivi avviata negli anni precedenti (1933-34), potenziò l'infrastruttura per l'attività scientifica, aprì l'istituzione verso l'esterno e creò - nell'ambito delle ricerche conservative - il laboratorio chimico-fisico (1958). Non riuscì per contro a realizzare il suo progetto di ampliamento del museo, che prevedeva l'aggiunta di un nuovo edificio. Nel 1959 fece parte del comitato di studio per l'Expo 64 e di una commissione di esperti costituita per salvare il tempio egiziano di Abu Simbel. Cofondatore e pres. del comitato nazionale sviz. del Consiglio intern. dei musei (ICOM), fu delegato dell'UNESCO presso l'ICOM. Nel 1958 presiedette il Centro intern. per lo studio della conservazione e del restauro dei beni culturali (ICROM) di Roma, del quale aveva proposto la creazione.

Riferimenti bibliografici

  • Jahresbericht des Schweizerischen Landesmuseums, 70, 1961, 6 sg.
Link
Controllo di autorità
GND
VIAF
Scheda informativa
Dati biografici ∗︎ 12.10.1895 ✝︎ 30.3.1984